Curriculum di Janja Jerkov


Janja Jerkov (Roma 1949) è professore ordinario di Lingue e Letterature Slave Meridionali presso il Dipartimento di Studi Europei, Americani e Interculturali dell’Università di Roma “La Sapienza”. Di formazione filologica e storica, ha lavorato a lungo nell’Archivio storico di Propaganda Fide studiando e pubblicando fonti inedite sulla storia culturale e della mentalità nei paesi slavi balcanici sotto la dominazione ottomana (in particolare per quanto riguarda i secoli XVI e XVIII). Si è quindi spostata in direzione della letteratura moderna e contemporanea, mantenendo una rigorosa aderenza ai testi, che esplora anche grazie all’utilizzo degli strumenti fornitile dalla pratica psicanalitica. Testimonianza di quest’ultimo filone di ricerca sono i suoi lavori sul romanzo Hazarski rečnik [Il dizionario dei Chazari] di Milorad Pavić, sui sonetti lesbici di Sanja Sagasta, sul romanzo Mramorna koža [Pelle di marmo] di Slavenka Drakulić, ecc. È in stampa un suo studio sulla Prima Guerra Mondiale osservata dal punto di vista delle letterature bulgara, serba e croata nel volume Snezhana Dimitrova, Giovanni Levi, Janja Jerkov (eds), One Hundred Years of Inheriting: The First World War Phenomenon.

Caratteristica della sua attività di ricerca è l’approccio comparativo e culturologico dei testi (letterari e non letterari) e il loro inquadramento nel quadro più ampio delle letterature slave balcaniche (serba, croata, bosniaca, macedone, bulgara, slovena) ed europee.


 
BrainLeaf